Come posare il porfido: perché la posa è importante quanto il materiale

Area tecnica

L’errore più grossolano che si possa fare nel contesto dell’architettura orizzontale è quello di considerare che le pavimentazioni siano il risultato della semplice somma algebrica dei due fattori principali: materiale e posa in opera. Ovvero di due componenti che tra l’altro spesso vengono considerate impropriamente in maniera disgiunta l’una dall’altra.
Del resto anche il più prestigioso dei materiali può essere svilito da un posatore inesperto, mentre un posatore competente e capace può fare la differenza e costituire il vero valore aggiunto anche utilizzando un materiale lapideo di modesta qualità.

Regole fondamentali

La realtà è che un pavimento in pietra non può essere considerato il semplice assemblaggio di operazioni disarticolate quanto piuttosto un sistema complesso, frutto di scelte logiche ispirate da un principio di coerenza esecutiva. Questa coerenza è capace di bilanciare in maniera equilibrata le diverse variabili che insistono in maniera altrettanto diversa sulle singole situazioni progettuali tra i quali la funzionalità, la durabilità, i requisiti tecnici ed ovviamente l’estetica.
Ciò vuol dire che al pari di una costruzione verticale una pavimentazione non può prescindere da una cabina di regia che sappia programmare e soprattutto coordinare l’azione di tutti gli operatori coinvolti. Dai progettisti ai produttori ai fornitori e/o intermediari commerciali, dai costruttori ai posatori fino ai collaudatori, vanno pretese professionalità e competenza sempre all’altezza del ruolo e delle responsabilità in gioco.

Conoscenza del porfido

Se questa manca, il risultato sarà certamente mediocre. Ancor più con l’utilizzo del porfido stratificato, un materiale atipico dove la conoscenza della pietra, la tradizione, l’esperienza e la capacità lavorativa hanno sempre fatto la differenza. Questo è una garanzia per risultati di eccellenza o quantomeno di onorevole e rispettabile livello qualitativo.
Quando invece ciò non si verifica, viene azzerato il sacrosanto principio della soddisfazione del fruitore/committente, cioè del cittadino. Il pavimento, realizzato con materiali di seconda scelta e manodopera impreparata a basso costo, perde la sua connotazione identitaria. Risponde soltanto a logiche di mercato completamente stravolte, con massimo discredito per l’intero comparto della pietra.

Strumenti per gli addetti ai lavori

Eppure gli strumenti per leggere ed interpretare la correttezza esecutiva e i requisiti che deve soddisfare una pavimentazione in porfido, di certo non mancano (Il Manuale del Porfido; La posa in opera del porfido – regole e consigli pratici; Atlante della pietra Trentina; Norma Uni 11322, ecc.).

Posa in opera

In questa sede ci si propone di contribuire alla costruzione di un quadro informativo/comparativo che oltre a fare emergere circostanze paradossali ed evidenti, possa fare luce anche sugli aspetti di dettaglio imprescindibili per un’opera in porfido e che troppo spesso sfuggono all’attenzione dei non addetti ai lavori.

Pavimento ad archi contrastanti eseguito nel pieno rispetto delle regole costruttive, anche la pulizia finale dei cubetti è stata eseguita correttamente.

Nel lavoro si nota un mancato controllo totale arcate, mancato rispetto regole per sviluppo arco, geometria di posa snaturata ed indecifrabile.

Estremo controllo dettaglio esecutivo, cambio direzione archi secondo le regole costruttive

Caos totale, incapacità di gestire il cambio di direzione; fughe fuori misure, materiale di pessima qualità

Perfetta corrispondenza degli elementi nel chiusino a riempimento

 

Rivestimento muro in porfido completamente deturpato dalla fugatura

Rivestimento in lastre con massimo controllo incastro armonico degli elementi

Posa in opera di porfido per il pavimento ad archi contrastanti con materiale di pessima qualità: sviluppo archi random con negazione regole per la posa in corrispondenza dei lati di contenimento

Sviluppo di arcate regolare con perfetta gestione della rastremazione e/o allargamento fuori squadra delle arcate, controllo delle dimensioni medie delle fughe e pulizia sigillatura che consente la lettura di tutte le cromie tipiche del porfido trentino

Posa in opera con sviluppo archi random con negazione regole per la posa in corrispondenza della chiave d’arco (morsa), dove l’incastro degli elementi è molto approssimativo; le sbavature di sigillatura hanno inoltre pregiudicato il risultato ulteriormente

Pavimentazione in lastre irregolari impresentabile sotto ogni singolo aspetto costruttivo, dalla distribuzione delle fughe, al mancato incastro degli elementi, fino alla sigillatura che copre ogni singola lastra in porfido, annullando i colori in maniera irreparabile anche ricorrendo ad acido, usato in casi particolari, per la pulizia del porfido

La foto mostra il valore aggiunto che un posatore può dare ad una pavimentazione realizzata in opera incerta, controllo degli incastri, sviluppo regolare della dimensione della fuga, pulizia ineccepibile

Pavimentazione con posa di cubetti in porfido a coda di pavone in due colori, perfettamente eseguita con corrispondenza tra ogni singola arcata e i cubetti di riempimento

Pavimento a coda di pavone con tentativo non riuscito di evidenziare l’arco grigio superiore e senza alcuna corrispondenza interna tra i cubetti di riempimento e le arcate. Per questo si è reso necessario l’inserimento di elementi spezzati e ridimensionati

Un pessimo tentativo di riempimento dell’area circostante un chiusino, a mezzo piastrelle di porfido. Si intuisce che il posatore oltre a non disporre della capacità lavorativa di base, non aveva nemmeno gli attrezzi necessari per sagomare le figure perimetrali (disco diamantato; scalpello/giandino correttore, ecc.)

Nell’immagine del lavoro si legge la maestria di posa caratterizzata da una sapiente gestione degli aspetti generali e di dettaglio

Conclusioni

La carrellata di immagini sopra riportata non è evidentemente esaustiva per illustrare quali e quanti errori possano essere commessi nell’esecuzione di una pavimentazione in porfido.  Tuttavia le foto molto meglio che le parole possono fare capire l’importanza del supporto tecnico e conoscitivo che i produttori seri di porfido possono fornire al progettista o al semplice consumatore privato, già in sede di preventivo e pianificazione del lavoro.

Italporphyry è a disposizione per qualsiasi problematica di carattere tecnico, normativo e/o di messa in opera, ma anche per dispensare semplici e utili consigli.

Altre domande?

Per richieste, curiosità e desideri, scrivici, ti risponderemo in breve tempo.
Email